','auto');ga('send', 'pageview');

Il nostro allevamento del gatto siberiano - Siberian Starfall allevamento del gatto siberiano siberian cattery

Vai ai contenuti

Menu principale:

 


Il Nostro Allevamento
 
 
                                                 
 
 
Circa due anni fa, durante un viaggio in Russia abbiamo conosciuto un allevatore e visto da vicino per la prima volta un gatto siberiano. L’aspetto selvaggio e impetuoso ci aveva subito conquistato. Quel micione non sembrava domestico ma arrivato direttamente da una foresta. Le zampe erano solide e al di sotto avevano dei ciuffi di pelo, quasi fossero delle scarpette fatte su misura per camminare sulla neve.
 
 
Il corpo era ben impostato e massiccio, il portamento sembrava quello di un cacciatore soddisfatto.
Prima di quel momento non avevamo mai visto da vicino questa razza ma c’è voluto davvero poco per innamorarsene. Da subito si è scatenato dentro di noi il desiderio di prendere un gattino e portarlo a vivere a casa nostra.
A casa, in Italia, ci aspettava il nostro buon vecchio micione bianconero, Adik, che Katia aveva portato con se a vivere insieme dopo il nostro matrimonio. Io, Marco, ho sempre sofferto di allergia per i gatti ma nella vita ho sempre preferito una silenziosa sofferenza che privarmi della loro compagnia. Fin da ragazzo infatti ho sempre avuto gatti in casa, sempre soriani e mai potrò dimenticare la sempre compianta Vicky, il mio primo amore.

 
 
                                                                                                                                                                                                                              A destra invece Adik, il capo della famiglia!!!
                                                                                                                                                                            Di lato a sinistra una vecchia foto di circa trentanni fa della mia adorabile Vicky coi suoi micetti da poco venuti al mondo))                                                                                
 
 
                                                                                                                                     Eppure, tornando al discorso cucciolo di siberiano, si poneva un problema: come avrei potuto sopravvivere, in termini di salute, con due gatti sotto lo stesso tetto?
Inevitabilmente la tanta adrenalina per l’ansia di volerne uno a tutti i costi era andata spegnendosi, lasciando più spazio al senso della ragione; non potevo certo aumentare in dosi massicce Foradil e Ventolin, gli spray antiasmatici per la mia sopravvivenza.
E’ stato allora che abbiamo scoperto un’incredibile caratteristica di quei gatti, ossia di essere ipoallergenici. L’allevatore, infatti, ci ha spiegato come questa razza sia incapace di produrre la proteina Fel d1, o meglio di produrne davvero in minime quantità, che attraverso la saliva è responsabile delle reazioni allergiche.
Sembrava incredibile, eppure non mi ero nemmeno accorto che a distanza di un’ora, in una casa dove vivevano molti gatti, tutti siberiani, non avevo fatto ancora uno starnuto!
La storia ebbe cosi inizio, ossia che da li a breve ospitammo a casa la nostra la prima gattina siberiana, Solomeya, una Neva Masquerade, e da allora altri della sua razza si aggiunsero a lei.
Ha avuto così inizio il nostro allevamento amatoriale.

 
 

                                       
                                                                                                                                                                                                                                 La piccola Solomeya, da poco arrivata in casa...
 
 
 
                                                                                                                                                 Un allevamento di gatti da molto entusiasmo ma bisogna sottolineare, che dietro alla tanta passione, c’è moltissimo lavoro che bisogna dedicare tutti i giorni. Non esiste sabato in montagna ne domenica al lago, ne vacanze Natalizie ne estive. I gatti hanno bisogno sempre di cure e attenzioni, tutti i giorni dell’anno. Non si può prendere un impegno del genere e pensare poi di prendersi una settimana di vacanza e chiuderli in appartamento con cibo e acqua per 7 giorni. Tanto meno non possiamo considerarli come una collezione di soprammobili lasciati a se stessi per ore e ore. Queste creature hanno bisogno di affetto e moltissime coccole, oltre che di essere puliti loro e le loro cassette igieniche dove fanno i loro bisogni, tenerli in ambienti puliti e dargli cibo sano e acqua fresca costantemente sostituita.
Noi i gatti li teniamo in casa, senza chiudere alcuna stanza; dove viviamo noi vivono anche loro, senza limiti di spazio. Noi tutti ci consideriamo una sola famiglia, noi i genitori e loro i piccoli a cui vogliamo bene e li cresciamo come nostri figli.
In realtà la nostra vita non è una prigione, la passione che abbiamo è innata, non nasce da alcuna forzatura o circostanza.

 
 
La mattina mi alzo molto presto e ogni micione conserva ancora il suo posto per dormire già conquistato dalla sera prima, chi sopra una sedia, chi sul divano oppure sul letto, chi sul pavimento quando è estate e chi anche nel bidet ))
 
                                                                                                 Sssssssssshhhhh!!!!!!!!!!!!!! Lasciatela dormire ancora un pochino)))

 
 
 
Qualcuno si accorge di me e la prima che emette i primi miagolii è Medunica, una splendida red, che noi preferiamo chiamarla simpaticamente Miafka che dal russo significa miagolina, per i tanti teneri “miao” che risuonano dalla sua bocchina. La cresta rossa sul dorso è ammaliante, e con un passo che sembra la danza di una venere, si avvicina in timide fusa, cercando una carezza o un grattino sulla testa. Il rito è sempre lo stesso, Adik, con sguardo un po’ geloso si precipita per avere anche lui la sua dose di coccole; poi è la volta della cantante Naomi, i cui miagolii sono così acuti da poter fare invidia a una cantante di lirica. Solomaya, intanto, dall’alto del suo trespolo guarda un po’ tutti poco convinta, come se volesse richiamare l’attenzione che è ancora notte ed è forse troppo presto per fare cagnara!
La giornata ha inizio, ogni gatto corre verso la sua ciotola, chi preferisce carne fresca di pollo macinata con delle verdure, chi alterna a dei croccantini, sempre di ottime marche; noi optiamo per Almonature Holistic.

 
 
                                                                                                                                     Sentite che voce ha la                    nostra Naomi !!!!
 
 
                                                                                                                                                 Katia intanto, tiene cura della casa, preoccupandosi di non renderla polverosa e pulisce le cassette igieniche sostituendo spesso la lettiera. Cosa strana e positiva che personalmente abbiamo riscontrato, è che i siberiani perdono poco pelo, alcuni per niente, pur avendo un folto manto medio lungo e non si sciupa tanto facilmente, anche se, per nostra abitudine, li spazzoliamo con apposite spazzole e loro provano piacere e a volte sembra pure andare in estasi.
La giornata poi si alterna fra un sonno e l’altro e giocare, a volte con noi, ad esempio inseguendo qualche pallina che lanciamo, e a volte fra di loro, inseguendosi e mimando qualche antica battaglia.
Inutile dire che ci sono momenti anche meno piacevoli, ad esempio quando qualcuno di loro va in calore e non è momento opportuno perchè si debba accoppiare, vuoi perchè ha appena avuto una gravidanza, vuoi perchè la gatta è troppo giovane e la notte spesso e volentieri è trascorsa insonne.
Ci troviamo così a passare molto tempo ad accarezzarli e non lasciarli soli chiudendo la porta della camera da letto, cercando di placare in parte questo istinto molto forte, cercando anche di distrali un po’ con qualche giochino.
Poi arrivano le gravidanze, e in queste circostanze non lasciamo nulla al caso: durante il parto assistiamo con cura la mamma e controlliamo che non ci siano complicazioni; la teniamo accanto a noi in camera da letto, con l’orecchio sempre vigile nel caso che abbia bisogno. Avete idea di quando meraviglioso sia vedere la mamma partorire e allattare per la prima volta i propri gattini? E’ così bello che non si può toglierle gli occhi di dosso.
Ripeto, un allevamento da molte gioie, ma senza dubbio anche molto impegno: capita che una gatta si faccia male e che la nostra prima preoccupazione sia di portarla dal veterinario, curandola al meglio evitando sistemi troppo invasivi (ad esempio il nostro veterinario evita di radere il pelo, faticando il doppio, prima di procedere a una ecografia).
Ci preoccupiamo che abbiano tutti le giuste cure, quindi per prima cosa le vaccinazioni, i controlli e visite periodiche. Ogni gatto ha il suo libretto sanitario, con il suo microchip e test verso le principali malattie virali; ognuno ha il suo pedegree in Anfi (Associazione Nazionale Felina Italiana), registrato così sul libro genealogico italiano.
Capita anche, tempo permettendo, che a rotazione portiamo i gatti alle Expo organizzate da Anfi e Fife, conseguendo soddisfacienti riconoscimenti. E’ bene sottolineare che avviene però poche volte all’anno, perchè consideriamo comunque uno stress per i mici passare molto tempo in una gabbia chiusa e quindi preferiamo in fondo anteporre la salute psicologica del gatto a qualche titolo onorifico.


 
 
                                                        A sinistra Salomeya reduce da cure a causa di una ferita alla coda...
                                                                                                                                   ...a destra Vaygach e le medaglie conseguite ad alcune expo in Russia prima di giungere in Italia in Anfi
 
 
Potrei aggiungere mille dettagli ancora su quanto avviene nella nostra giornata, fra i nostri micioni, ma non voglio dilungarmi oltre e diventare noioso. Se siete incuriositi, su quanto sia bello vivere all’interno di un allevamento, potete vederlo da vicino con i vostri occhi!
 
 
 
 
 
 
                                                
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu